4bologna_15m

Assemblea nazionale della logistica a Bologna domenica 27 luglio 2014

riportiamo la sintesi dell'intervento del Cobas Lavoro Privato

Un anno fa ci siamo trovati a Piacenza e nella occasione ribadimmo il nostro impegno nel settore della logistica.

A distanza di un anno possiamo ben dire di avere rispettato l'impegno assunto con l'apertura di numerose situazioni nella logistica nel bolognese, non solo in aziende che applicano il ccnl logistica ma in cooperative e ditte che ricorrono al contratto nazionale multiservizi come nel caso dell'ati che ha in appalto il facchinaggio nell'aeroporto Galilei di Pisa.

Emblematica la vicenda di questi facchini costretti a lavorare con contratti part time verticale che rendono impossibile un secondo lavoro indispensabile per arrivare a quelle mille euro appena necessarie a mettere insieme pranzo e cena.

BOICOTISRAELE1-214x300

Corteo cittadino al fianco della resistenza palestinese

Da Roma innumerevoli viaggi hanno portato centinaia di persone a conoscere realmente la Palestina con la dignità e la tenacia di chi vive in quelle terre.
Carovane che hanno utilizzato lo sport per condividere e comunicare con i ragazzi e le ragazze di Gaza e Cisgiordania, Summer Camp per conoscere la vita nei campi profughi, lavoro al fianco dei contadini attaccati dall’esercito e dai coloni israeliani, manifestazioni e azioni nei villaggi in lotta contro il muro dell’Apartheid… intensi, difficili, profondi incontri che carovane, gruppi e singoli hanno vissuto con il cuore in gola, come il breve, ma dall’effetto infinito, abbraccio con la popolazione gazawi subito dopo l’uccisione di Vittorio Arrigoni.

Abbiamo visto l’oppressione e la violenza del colonialismo , abbiamo imparato il coraggio della quotidiana resistenza e con il sangue agli occhi sappiamo da che parte stare.

palestina

L’Associazione Amicizia Sardegna Palestina lancia una sottoscrizione straordinaria a favore della popolazione di Gaza. I fondi raccolti andranno a finanziare il progetto “ Handala va a scuola ” per il diritto allo studio dei bambini palestinesi. La recente aggressione israeliana a Gaza ha ulteriormente aggravato le condizioni del popolo palestinese. Gli incessanti bombardamenti di questi giorni hanno reso ancora di più insostenibili le condizioni umanitarie di Gaza. Per questo motivo abbiamo deciso di aprire una campagna di sottoscrizione straordinaria per poter sostenere questa emergenza umanitaria.

sim_5

LIBERI DI AGIRE, LIBERI DI PENSARE                                      

 Il licenziamento di Giovanni Leone lavoratore dela SIM metalmeccanica di Priolo ricordano i tempi bui degli anni '60. E' dura repressione, atteggiamento antisindacale , spegnere la voce di un rappresentante eletto rsu - rls , scomodo per l'azienda . Dopo tre mesi dalla sua iscrizione alla Ns. Organizzazione dei Cobas di Siracusa, ha ricevuto provvedimenti disciplinari , anticamera per il suo succesivo licenziamento . Gli incontri con il rappresentante dell'azienda per dirimere e giustificare come per legge i provvedimenti sanzionatori, sono stati una farsa, per celare la punizione per loro , esemplare, già preordinata.La proprietà ha eliminato di fatto , un lavoratore ricco di dignità e coraggio ; ha sempre lottato per i suoi compagni di lavoro a tutela dei diritti calpestati e per l'emancipazione e il riscatto sociale .

cesp_medium

Pienamente riuscito l’incontro

dei Sottosegretari

Gabriele Toccafondi ( MIUR) e Cosimo Ferri ( Giustizia)

Con gli studenti “ristretti” della Casa Circondariale di Rebibbia  

Il VIDEO dell'incontro

Così come previsto, il 9 luglio i sottosegretari Gabriele Toccafondi ( MIUR) e Cosimo Ferri ( Giustizia) , hanno incontrato gli studenti “ristretti” di Rebibbia, ancora variamente impegnati in progetti e corsi scolastici, esami, riprese di cortometraggi su testi e sceneggiatura degli studenti.

Renzi Madia

Tra  democrazia  virtuale e cancellazione reale dei posti di lavoro e dei servizi pubblici.

Avevamo già preso posizione sui 44 punti della riforma della Pa e sulla vergognosa lettera di Renzi e Madia . La consultazione pubblica si è rivelata un "bluff",  il modo innovativo di partecipazione altro non è che muoversi solo lungo le direttive di Confindustria e del Governo, escludendo ogni forma di rappresentanza collettiva e organizzata di lavoratori e lavoratrici, per cui al massimo sarà possibile mediare su qualche punto irrilevante perchè quello che conta (tagli al personale e ai servizi, mobilità, sostanziale perdita del potere di acquisto e di contrattazione) non sarà oggetto di cambiamento.

Primo Piano

  • 1
  • 2
  • 3

Travolti da un treno nel Nisseno, sulla linea che da Licata porta a Gela, Vincenzo
Riccobono, 54 anni, di Agrigento, Antonio La Porta, 55 anni, di Porto Empedocle (Ag),
Luigi Gazziano, 57 anni, di Aragona (Ag), son gli ultimi 3 ferrovieri di RFI che hanno
pagato con la vita il privilegio di lavorare nelle ferrovie più sicure del mondo.

Padoan

Egregio Ministro,

leggiamo con stupore dell’indagine avviata dalla Procura della Repubblica e della fuga di notizie relative ad atti legislativi, a seguito di una vostra denuncia. Ci chiediamo come mai lo stesso Ministero non sia sollecito a denunciare:

Ieri in Cassazione è stata una giornata campale per la " libertà di movimento".
La 1° Sez. della Cassazione ha bocciato :
1) sia il reato di " terrorismo" , che la Procura di Torino ha inventato per colpire i 4 NO Tav - accusati di avere procurato l'incendio di un compressore nel cantiere Tav- così da fargli scontare preventivamente le condizioni aguzzine del carcere speciale. Dopo la sentenza della Cassazione, Il 22/5, nella prima udienza del processo , Chiara-Claudio-Mattia-Niccolò , devono andarci liberi e fuori dall'aula bunker delle Vallette !

untitled_medium

Il 40% dei consensi al Pd alle elezioni europee è frutto di larghe intese tra le quali quelle con Confindustria, Legacoop e Vaticano assumono particolare valenza.

-            Se l’austerità ha trovato giustificazione in una fase di particolare emergenzialità per contenere il deficit pubblico all’interno dei parametri del 3% in rapporto al PIL ed evitare la procedura d’infrazione, è altrettanto vero che tale politica ha innescato un processo tendenziale alla recessione economica, diminuendo la capacità di spesa dei lavoratori e dei pensionati, determinando una forte compressione della domanda con effetti esiziali verso le imprese (e all’indotto commerciale) vocate a prodotti finalizzati ai consumi interni.

 DELIRANTI LE DICHIARAZIONI DI IGNAZIO MARINO

rifiuti

A seguito dei deliranti attacchi del sindaco Ignazio Marino nei
confronti dei lavoratori di Ama nulla é stato fatto per quel
radicale cambiamento che tutti i cittadini auspicavano. E’ fin
troppo facile lanciare a mezzo stampa accuse false nei
confronti dei lavoratori.
L’incapacità manageriale dell’Ama, nel non saper gestire la
trasformazione industriale si sta trasformando in una
caporetto per il Sindaco e la sua giunta :

malnome

A quanto pare, a breve, partiranno i lavori di un nuovo impianto “sportivo” nei pressi dello stabilimento Ama di Ponte Malnome: dovranno attendere i tifosi della Roma, la questione non riguarda il loro stadio, ma quello che si prospetta è un “sorciodromo temporaneo”, dove in pista sfrecceranno ratti di ogni genere. Ma ad intimorire non è solo il povero animale, ma è l’aggettivo utilizzato che, casualità, in questo Paese e particolarmente in questa città, spesso si trasforma in “definitivo”.

Almaviva

I lavoratori e le lavoratrici dei call center in outsourcing hanno subito nel corso degli anni continui peggioramenti sia a livello normativo sia livello retributivo.

Nel corso dei vari rinnovi del CCNL, sempre a perdere, hanno visto peggiorare le loro condizioni di lavoro: massima flessibilità di orari, part-time obbligato, ROL comandati, ecc. Gli aumenti salariali contrattuali non hanno minimamente coperto l’aumento del costo della vita condannando i lavoratori del comparto a salari da fame

A colpi di decreti legislativi hanno bloccato i contratti nazionali e decentrati, distrutto diritti acquisiti nel corso degli anni. I sindacati firmatari dei contratti, da 20 anni a questa parte si sono occupati solo di sottoscrivere accordi nazionali a perdere e  riservando alla contrattazione decentrata  la sola discussione sulla composizione del fondo che nei fatti viene decisa dalla controparte lasciandoci esigui spazi di manovra.

Dai il 5 X 1000
all' Associazione Azimut
Codice Fiscale 97342300585
 

Sito Azimut

MANIFESTI