Una proposta COBAS alle maestre/i diplomate magistrali

        

stri2

Una accampata permanente a Montecitorio fino alla soluzione positiva della vertenza

Fin dalla emanazione dell’inaudita e inaccettabile sentenza del Consiglio di Stato che intende annullare i diritti acquisiti dalle maestre/i DM (diplomate/i magistrali), i COBAS hanno sostenuto con la massima forza le decine di migliaia di docenti che, utilizzati/e per tanti anni a stipendi miserabili (in media 10 euro l’ora), si vorrebbe ora respingere nella precarietà più totale. Lo abbiamo fatto proponendo due elementi a nostro avviso fondamentali per il successo della lotta: una piattaforma che non dividesse ulteriormente il mondo del precariato, e una struttura decisionale unitaria del movimento di lotta.

I punti programmatici da noi proposti sono stati:1) la conservazione del posto in “ruolo” o nelle GAE per le maestre/i DM che vi si trovano; 2) la riapertura delle GAE per le altre maestre DM e per tutti/e i precari/e abilitati; 3) l’immissione immediata “in ruolo” per i precari/e con 3 anni di servizio. Questa piattaforma ha riscosso un vasto consenso tra le maestre/i DM ma anche tra gli altri precari/e che vi hanno visto  finalmente un programma di possibile unità generale. Purtroppo non altrettanto consenso ha ricevuto invece la seconda nostra proposta, altresì rilevante per vincere la vertenza: e cioè una procedura unitaria del movimento di lotta che, attraverso Assemblee provinciali/ regionali, producesse una Assemblea nazionale in grado di decidere una piattaforma unitaria e forme di lotta condivise. Per responsabilità di forze sindacali ma anche di un “gruppettarismo social” in cerca di protagonismo, si sono ingigantite differenze e divisioni, e non si è raggiunta quella sede decisionale unitaria che avrebbe evitato la frammentazione, la ripetitività e il calo di partecipazione delle varie iniziative.

Comunque,abbiamo sostenuto, promosso e organizzato le tre giornate di sciopero sulle quali si era registrata la maggior convergenza, l’8 gennaio, il 23 febbraio e il 23 marzo, mettendo a disposizione le nostre strutture organizzative, logistiche, pullman gratuiti, contatti con le questure, materiale tecnico e l’impegno assiduo di tanti/e nostri militanti. Non abbiamo chiesto nulla in cambio, né posto condizioni né cercato applausi e riconoscimenti. Ma proprio per questo ci sono sembrate ingenerose e offensive le esternazioni formulate da una parte – che ci auguriamo molto limitata – delle maestre DM nel “vademecum per lo sciopero del 23 maggio”, con frasi minacciose come la seguente “isindacati che non proclameranno lo sciopero saranno attaccati duramente dai DM e anche dai loro iscritti”.Che una divergenza su un singolo passaggio di una lotta che dura da cinque mesi diventi motivo di rottura e di scontro è già deprecabile: ma ancor peggio è che non si voglia neanche entrare nel merito di tale divergenza. Le maestre/i DM nell’arco di 4 mesi hanno sostenuto, unite o divise, 5 giorni di sciopero (oltre ai tre scioperi citati, altri due si sono svolti il 2 e 3 maggio). La ripetizione per la sesta volta della stessa modalità di lotta, per giunta mentre un nuovo governo è in faticosissima formazione e c’è un evidente vuoto di poteri, ci è sembrato un rischioso passo falso, tenendo conto del calo delle partecipazioni agli scioperi e alle manifestazioni nazionali, dovuto all’eccesso di ripetitività nelle modalità di conflitto.

Proprio sulla base di queste considerazioni, riteniamo che vada fatto un salto di qualità nelle forme di lotta e nella loro possibile incidenza nei confronti del governo in formazione che, a meno di clamorose sorprese (nel qual caso partirebbe comunque il "governo del presidente"), dovrebbe essere operativo a giugno: e vi proponiamo di decidere perqualcosa di ben altro impatto di un ennesimo giorno di sciopero, per qualcosa di duraturo, 24 ore su 24, costante, incalzante, “asfissiante” nei confronti dei parlamentari e del governo che verrà.Visto che le forze che dovrebbero comporre il nuovo governo nelle “chiacchiere elettorali” si sono espresse a favore di una soluzione positiva della vertenza, dobbiamo creare un evento che sbatta loro la cosa in faccia. In tal senso ci soccorre l'esempio di una splendida lotta che i COBAS aiutarono a far vincere: quella degli "inidonei/e" (docenti con gravi patologie impiegati in biblioteca o in progetti). Il contributo decisivo a tale vittoria, che evitò loro la "deportazione" nei ruoli ATA,fu l'accampata/presidio permanente che nel luglio-agosto 2012, essi/e, pur in condizioni fisiche mediamente disastrose, riuscirono a sostenere per tre settimanedavanti a Montecitorio. Ogni giorno tutti i/le deputati/e dovevano sbattere il muso contro gli “inidonei”,  pur stremati dalle loro malattie, dal caldo e dalla fatica: e alla fine si vinse. Dunque, la proposta è questa:dal giorno dell'insediamento del nuovo governo(approvazione alle Camere),accampata permanente, 24 ore su 24 e fino alla vittoria, a Montecitorio. Se la proposta verrà accettata, metteremo a disposizione i contatti con la questura per le autorizzazioni, un camper completamente attrezzato e una tenda da campo e tutta la logistica e sostegno pratico necessario, oltre a favorire il più possibile i contatti con i gruppi parlamentari. Ovviamente a giugno,  durante il periodo di lavoro delle maestre DM, bisognerà fare i turni, chiedere permessi, usare i giorni liberi, darsi il massimo ricambio, contando molto sulle maestre/i romane e delle sedi più vicine. Poi, se la partita a luglio dovesse essere ancora aperta, l'impegno riguarderà tutte/i alla pari.

Restiamo in attesa di vostre risposte

Piero Bernocchi   portavoce nazionale COBAS

15 maggio 2018

PER UNA SOCIETA' DEI BENI COMUNI

Una giornata di dibattito sul libro di Piero Bernocchi
OLTRE IL CAPITALISMO
Discutendo di benicomunismo, per un’altra società.

Guarda gli interventi del Convegno

locandina WEB
Continua