Documenti e iniziative

Saturday 5th June National Demo Everybody in Rome!

Crisis must be paid by those who caused it

Let’s stop the massacre of the Finance Act

The harsh conflict which is taking place in Greece is of crucial importance for social Europe's destiny; for living conditions of workers, retired persons, unprotected and weaker citizens; for the future of public services and common goods.

After European Governments have squandered hundred billions euros to give aid to banks and finance empires, all over Europe it is going on an attack on popular sectors, on social services and common goods which is imposing the cost of the crisis not on those who have caused it but, as usual, on wage-earners, casual workers, unemployed people, pensioners and in Italy they have been additionally squeezed through the dismissals and compulsory redundancies of millions of workers who in a short time will be without any social security cushion; through a dramatic rise of hopeless casualizations; through huge cuts in social services; through the slaughtering of State School (41 thousand jobs loss) and the mass expulsion of temporary school workers; through a neverending attack on civil servants; through a huge increase of tax evasion; through the spreading of corruption while the taxation pressure on salaries and pensions is becoming unbearable.

Iniziativa internazionale AZIMUT-COBAS sulla Colombia a Roma il 6 maggio 2010

Iniziativa internazionale AZIMUT-COBAS sulla Colombia a Roma il 6 maggio 2010

Messaggio dei Cobas per lo sciopero generale del 5 maggio in Grecia.

A FIANCO DEL POPOLO GRECO IN LOTTA. LA CRISI VA PAGATA DA CHI L’HA PROVOCATA. NON UN EURO NE’ UN POSTO DI LAVORO IN MENO PER SALVARE BANCHE E PADRONI.

La Grecia sull'orlo del baratro, 5 maggio sciopero generale in Grecia. Solidarietà con la lotta del popolo greco

Grecia

La situazione finanziaria in Grecia peggiora di giorno in giorno. Allo stato attuale è impossibile per il paese ottenere prestiti sul mercato finanziario. Il tasso di interesse per i bonds greci a 10 anni è del 10,55% (18,50% per quelli a due anni). In realtà nessuno vuol fare prestiti alla Grecia. Il governo tenta di velocizzare il processo degli aiuti di Unione Europea - Fondo monetario internazionale.

Against the “massacre” of Italian State school COBAS call a National strike during the end of year assessment.

The last stage of the destruction of State school is the “bloodiest” . The Government and the Minister of education Mrs. Gelmini have confirmed what COBAS have been denouncing for months: over the next school year 26000 teachers and 15000 school workers will “disappear” . An analogous “slaughter” of work places in the industrial field, for example the dismissal from next September of 41000 workers because of a hypotetical closing down of all Fiat factories in Italy and of all the petrochemical plant, would, rightly, stir up a pandemonium.

COMUNICATO DELLA CONFEDERAZIONE COBAS SUL BLITZ CONTRO I KURDI

kurdi045

E’ dalle elezioni del marzo 2009 in Turchia - quando il DTP/partito “Filokurdo” ha ottenuto l’8% dei voti nazionali e 22 deputati (13 donne) - il 75% dei voti nel Kurdistan - che le massime istituzioni militari e il Governo Erdogan, hanno accentuato la repressione nei confronti del popolo kurdo.

Lo scioglimento del DPT deciso dalla Corte Suprema controllata dai militari, la decadenza dei deputati Kurdi, oltre 500 arresti di dirigenti e attivisti del DTP, la distruzione di numerosi villaggi e ancora migliaia di profughi, oltre 1500 bambini-ragazzi arrestati/condannati a enormi pene, ne sono le conseguenze.

Verso il 6°Forum Sociale Europeo di Istanbul (30 giugno-4 luglio 2010)

I risultati dell'Assemblea Preparatoria di Berlino (29-31 gennaio)

PER UNA SOCIETA' DEI BENI COMUNI

Una giornata di dibattito sul libro di Piero Bernocchi
OLTRE IL CAPITALISMO
Discutendo di benicomunismo, per un’altra società.

Guarda gli interventi del Convegno

locandina WEB
Continua