Notizie

         

QUATTRO QUESITI REFERENDARI CONTRO LA LEGGE 107 e LA CATTIVA SCUOLA

La straordinaria mobilitazione dello scorso anno scolastico aveva come obiettivo centrale il ritiro del ddl sullaBuona Scuolae lo stralcio delle assunzioni dei precari con un decreto legge. Ma non si poteva chiedere per via referendaria l’abrogazione dell’intera legge perché la Corte costituzionale non accetta quesiti “non omogenei e non univoci”, perché ad esempio l’elettore/trice può essere d’accordo per l’abrogazione del premio di “merito”, ma favorevole all’obbligo della formazione. Oltretutto, sarebbe stato assurdo chiedere anche l’abrogazione delle assunzioni. Si è trattato, quindi, di scegliere dei quesiti che colpissero il cuore del modello di scuola proposto dalla 107: aziendalizzazione, gerarchizzazione, competizione individuale tra i docenti e competizione tra le scuole per la ricerca di finanziamenti sul mercato.

Convegno Cesp e sit-in Cobas al MIUR

Convegno-Cesp-e-sit-in-Cobas-al-MIUR_medium

NUOVA  MOBILITA’ - NUOVO PRECARIATO

Prossimo incontro martedì 22 marzo ore 15 presso il MIUR

Pienamente riuscito  il Convegno Cesp su “ Nuova mobilità-Nuovo Precariato- Fasi e prospettive”, svoltosi oggi, 1° marzo, a Roma nella sala Convegni CESP, superati i cento partecipanti, provenienti da varie province ( Roma, Bologna, Cagliari, Chieti, Grosseto, Massa, Napoli, Perugia, Terni ). 

APPELLO ASSEMBLEA NAZIONALE PER UNA STAGIONE DI REFERENDUM SOCIALI

BannerReferendumSociali_assemblea13marzo_versione_finale

Scuola pubblica, beni comuni, ambiente

Roma, 13 Marzo 2016

In due anni dal suo insediamento il Governo Renzi ha prodotto una serie di “riforme” che investono diversi ambiti della società e della vita delle persone.

Si tratta di un'azione che, ispirata all'idea del mercato come unico regolatore sociale, attacca il ruolo pubblico e universale della scuola, estende la precarietà nel lavoro, rilancia una nuova fase di mercificazione dell'acqua, dei beni comuni e dei servizi pubblici locali, in aperto disprezzo dell'esito referendario del giungo 2011, persegue con il decreto Sblocca Italia una politica di devastazione ambientale dai rifiuti all'energia, della quale le trivellazioni, in mare così come in terra, costituiscono l'esempio più emblematico.

I DOCENTI PRECARI HANNO DIRITTO AGLI SCATTI DI ANZIANITA’

precari1

LA SEZIONE LAVORODELLA CORTE D’APPELLO DI FIRENZE E IL GIUDICE DEL LAVORO DI LUCCA ACCOLGONO  I RICORSI ORGANIZZATI DAI COBAS 

A sostegno di DAVID PURI

Si è svolta govedi' 11 febbraio  la conferenza stampa di fronte alla Borri di Bibbiena per denunciare l'ingiusto e infondato licenziamento di David Puri, padre di famiglia con 2 figli piccoli ed un mutuo per la casa da pagare, nonché rappresentante dei Cobas all'interno della Borri.

Il 4 e 5 maggio (elementari e infanzia) e il 12 maggio (medie e superiori) sciopero della scuola

imagesQXLS320M

contro i quiz Invalsi e la legge 107 con manifestazioni locali il 4 e il 12.

Mentre prosegue nelle scuole la resistenza contro la nefasta legge 107 e si prepara la campagna referendaria contro di essa, i COBAS convocano lo sciopero contro i quiz Invalsi, strumento decisivo della cattiva scuola governativa. 

Gli effetti nefasti della legge 107 sono oramai evidenti a chiunque sia in buona fede. La volontà sfacciata di edificare una scuola gerarchizzata sul modello renziano di società (“un uomo solo al comando di strutture aziendali a caccia di profitti economici”), guidata da presidi-padroni e con docenti ridotti a “tuttofare” subordinati - e minacciati di licenziamento, riduzioni salariali, trasferimenti - sta creando il caos in istituzioni scolastiche già prostrate da due decenni di tagli al personale e ai finanziamenti. La pervicacia nella creazione di conflitti tra i lavoratori/trici in nome di una premialità di un presunto “merito” – che serve solo a creare una “corte” di docenti al servizio totale del preside-padrone – sta distruggendo la collegialità e il lavoro unitario, togliendo quella libertà didattica che non è un privilegio per i docenti ma l’unica garanzia per gli studenti e le famiglie di pluralismo, ricchezza culturale, libertà di apprendimento e non sottomissione ad un pensiero unico eterodiretto dai grandi potentati economici e politici.

Elezioni Rsu-Rls Vodafone 2016

vodafone-non-rispetta

COBAS DEL LAVORO PRIVATO. SIAMO PRONTI.

Firmato il contratto sulla mobilità scuola 2016/2017

I COBAS DICHIARANO GRAVISSIMA LA DISPARITA' DI TRATTAMENTO AI DANNI DEI DOCENTI DI FASE B E C PRESENTE NELLA LEGGE E CONFERMATA E APPESANTITA DALLA COLPEVOLE FIRMA DEI SINDACATI PRESENTI IN SEDE DI CONTRATTAZIONE

Dopo il partecipato convegno nazionale del Cesp, “Quale organico per la “Buona scuola”? Neo immessi in ruolo, potenziatori e precari” che si è svolto ieri, 25 gennaio, a Roma, i COBAS sono stati ricevuti al MIUR, poco prima che si concludesse la fase contrattuale sulla Mobilità, prevista per la serata.
In quel contesto hanno rappresentato l’unanime  condanna per la disparità di trattamento dei docenti, che non solo è chiaramente presente nella legge 107/2015, ma che si è continuata a perseguire nell’ambito della stessa trattativa nazionale sulla mobilità degli insegnanti, da parte delle organizzazioni sindacali.

PER UNA SOCIETA' DEI BENI COMUNI

Una giornata di dibattito sul libro di Piero Bernocchi
OLTRE IL CAPITALISMO
Discutendo di benicomunismo, per un’altra società.

Guarda gli interventi del Convegno

locandina WEB
Continua