Firenze, Pisa e Toscana

Comunicato della Confederazione COBAS

PISA: IL “SALOTTO BUONO” E IL RAZZISMO SOTTO LA TORRE

 Ancora una volta i migranti vittime di violenze e di omicidi. Questa volta un lavoratore bengalese,Zakir Hossain, è stato aggredito e ucciso in Corso Italia. Non sappiamo le ragioni di questo omicidio, l'aggressore ha colpitoun lavoratore che usciva dal ristorante dove faceva il lavapiatti per pochi euro al mese, fonte di sostentamento anche dei suoi familiari che vivono nel Bangladesh

Contro Jobs Act, precarietà e modello Renzi

Sabato 5 aprile presidio a Firenze, via Martelli ore 17

controjob

Riuscitissimo lo sciopero del 28 febbraio alla CTT Nord di Pisa

E così venerdì 28 febbraio lo sciopero regionale del trasporto pubblico locale, proclamato dai sindacati di base (tra cui i Cobas) per tutta la giornata e dalla Uil/trasporti per 8 ore, ha visto gli autoferrotranvieri determinati a non farsi scippare centinaia di euro al mese dalle buste-paga, a non farsi aggravare i turni e le condizioni di lavoro, a rivendicare la natura pubblica del trasporto urbano e il diritto dei cittadini a una mobilità di qualità.

Tutte questioni poste all’ordine del giorno dalle sciagurate pretese delle società di cancellare gli accordi integrativi e della Regione di bandire una gara d’appalto del trasporto pubblico locale improntata alla drastica riduzione delle risorse e alla spinta alla privatizzazione del servizio.

A Pisa, malgrado Cgil, Cisl, Faisa e Ugl si siano fatte in quattro per mettere in servizio, soprattutto al mattino, i propri autisti fedelissimi, lo sciopero alla CTT ha raggiunto la percentuale del 65-70%.

Che è un risultato di tutto rispetto per non fare considerare chiusa la partitaccia ingaggiata da più di un anno dalla presidenza e dall’amministratore delegato della società.

 

(Pisa, 1 marzo 2014)

 

                                                                                                                      per Cobas Lavoro Privato

                                                                                                          Federico Giusti e Marcello Pantani

IL NOSTRO “BENVENUTO” AL MINISTRO D'ALIA IN VISITA A PISA

D'alia

 Il Ministro D'Alia sarà nella nostra città il 3 febbraio – alla Camera di Commercio – per una conferenza sulla semplificazione amministrativa. 

Come cambiare la cassa depositi e prestiti e rilanciare una finanza pubblica e sociale

Venerdi' 17 Gennaio ore 17.30
Libreria TRA LE RIGHE via Corsica, 8 - Pisa
Incontro con Antonio Tricarico
e presentazione del libro:
Come cambiare la cassa depositi e prestiti e
rilanciare una finanza pubblica e sociale
 di Luca Martinelli e Antonio Tricarico
   edizione Altraeconomica

Manifestazione del 3 gennaio all'Arcivescovado di Pisa

MISERICORDIA non ci merita: il personale riconsegna le divise

2

A fine anno si è consumata l'ennesima beffa ai danni di 34 lavoratori e lavoratrici licenziati in Misericordia.

Sullo scandalo della Sapienza: si restituisca la Biblioteca alla città di Pisa

L’iniziativa organizzata dagliAmici della BUPsulla situazione della Sapienza e della sua storica biblioteca tenutasi ieri pomeriggio al Teatro Rossi Aperto, è di quelle che non si dimenticano. È infatti stato doloroso vedere un tale patrimonio culturale e cittadino ridotto in tale stato di abbandono, esposto a qualunque violenza e degrado, preda di mire spartitorie tra enti pubblici e obiettivo di interessi privati in agguato. È l’ennesima conferma che lo stato di incuria e la dismissione degli spazi cittadini non è dovuta solo cialtroneria dell’Amministrazione, del Sindaco Filippeschi, degli Assessori alla Cultura Danti e all’Istruzione Chiofalo, senza dimenticare le responsabilità della Provincia, ma risponde a logiche perverse di profitto e svendita sul mercato anche di edifici di inestimabile pregio e valore storico. La chiusura della Sapienza è stata infatti gestita dal Sindaco Filippeschi e dal Rettore Augello con metodi poco trasparenti operando la scelta della chiusura mentre in altri casi, dove il rischio era perfino maggiore, si sono trovate soluzioni diverse e più accettabili.

Facciamo sentire la nostra voce ai padroni dell'Igiene Ambientale

Presidio lunedì 16 dicembre ore 14

davanti al comune di Pisa

piazza XX Settembre

voce_ato.pdf 77,74 kB

Contro lo sfruttamento nei centri commerciali, contro il lavoro nei giorni festivi

Presidio e appuntamento a Pisa alle ore 11 all'Esselunga

Alcuni pregiudizi ci impediscono, spesso se non sempre, di capire la realtà,
quella del lavoro ad esempio. Quante volte abbiamo sentito dire che il
contratto nazionale è, di per sé, una garanzia contro la
deregolamentazione del mercato del lavoro e la precarietà? Quante la
stessa parola precarietà è stata considerata sinonimo di assenza di regole?
Ancora: quante volte il lavoro part-time è stato proposto come
un’occasione di libertà, soprattutto per le donne, alle quali una
perversa indicazione divina attribuisce anche il lavoro domestico e di
cura?

La mobilitazione all'ATAF di Firenze

L'assemblea dei lavoratori ATAF riunitasi a partire dalle ore 4 di oggi 5 dicembre 2013 ha ritenuto necessario proseguire la discussione per individuare delle soluzioni alla disastrosa
situazione del trasporto fiorentino aggravatasi dopo la scelta dell'amministrazione comunale di privatizzare l'azienda e dall'intenzione confermata dal nuovo gestore privato di disdettare tutta la contrattazione aziendale oltre a voler dividere ATAF fra i tre soci proprietari.

PER UNA SOCIETA' DEI BENI COMUNI

Una giornata di dibattito sul libro di Piero Bernocchi
OLTRE IL CAPITALISMO
Discutendo di benicomunismo, per un’altra società.

Guarda gli interventi del Convegno

locandina WEB
Continua